Home    Search    Gallery    How-To    Books    Links    Workshops    About    Contact

Ritz Camera

adorama

Grandi foto in posti squallidi
- or -
How to Make Great Photos in Crappy Locations

© 2006 KenRockwell.com

Please help KenRockwell..com

I get my goodies at Ritz, Amazon and Adorama.
It helps me publish this site when you get yours from those links, too.

Introduzione

This page also is in English, German and Hungarian.

Bushenge Arizona

Da qualche parte in Arizona, Ottobre, 2002

Non lasciate che il vostro spirito creativo venga soffocato da ridicole scuse come "Se solo vivessi nel parco di Yosemite" o "Se potessi andare in vacanza negli slot canyons di roccia nel sudovest degli Stati Uniti," oppure "Se fossi vicino all'oceano."

E allora? Se cosi fosse, tutto ciò che sareste in grado di fare sono una quantità di foto banali che tutti abbiamo già visto.

Le foto migliori prendono forma nei luoghi dove un bravo fotografo capita di trovarsi.

Evitiamo malintesi; quando dico "squallidi" mi riferisco a posti dai quali i lettori del mio sito mi scrivono lamentandosi della mancanza di opportunità fotografiche. Tutti i componenti della mia famiglia vivono in località fotograficamente squallide.

Anche se vivete a Flint, nel Michigan, in una città inquinata del Giappone o a Igloolik,in Canada, farete foto fantastiche a patto che siate in grado di aprire gli occhi. Aprire i vostri occhi è necessario per fare foto a prescindere da dove vi troviate. Tenere gli occhi chiusi anche nel più incantevole dei posti produrra solo foto noiose. Tenere gli occhi aperti anche nel più squallido dei posti, al contrario, è il passaporto per ottenere foto bellissime.

L'idea per quest'articolo mi è venuta quando qualcuno che vive nel sud-est degli Stati Uniti ha sollevato il tema, lamentandosi delle scarse opportunità fotografiche offerte dalla sua regione. Al mio amico lettore non posso che rispondere: "magari ci vivessi io nel sud-est!" Fotograferei tutto quello che immagino ci sia lì: vecchie stalle, automobili abbandonate e corrose dal clima, ristoranti di carne alla brace, etc. Tutto dipende dalla vostra prospettiva.

CONSIGLI

Aprite gli occhi.

Sottovalutiamo le cose di tutti i giorni. Le diamo per scontate. Queste cose sono noiose per noi, ma sono spesso interessanti per gli altri. Fotografate ciò che è davvero unico del posto in cui vivete. Se vivessi in Groenlandia, fotograferei la luna riflessa negli strati di ghiaccio o un igloo illuminato dall'interno da una lampada ad olio di balena. Se tutto intorno a voi vi sembra brutto e scuro, non lamentatevi: provate a fare delle foto che enfatizzino tutto ciò.

Cercate il colore - dappertutto

Persino il posto più grigio che possiate immaginare puo offrire spunti interessanti per catturare il colore. Concentratevi sulle luci al neon ed altri segnali stradali. Sono ancora meglio di notte, quando potete catturarne i colori che vengono riflessi sula strada.

Provate ad effettuare esposizioni prolungate di notte all'aperto. Anche se i vostri occhi non percepiscono i colori, la vostra macchina (digitale o 35mm che sia) è grado di vedere ed enfatizzare i colori anche in condizioni di scarsa visibilità. Più variegata la luce, migliore la foto. Divertitevi a fare foto in luoghi dove vi siano diverse sorgenti di luce, ad esempio in un centro commerciale.
La macchina accentuerà le differenze tra la luce al tungsteno, la luce fluorescente, la luce al sodio e la luce ad alogenuri metallici, che sono invisibili ai nostri occhi.

Il mio lavoro è incentrato sul colore. Tengo gli occhi aperti e cerco di vederlo dappertutto. Può essere un estintore rosso sul muro di una officina meccanica. O magari un vagone merci che brilla nel mezzo di uno scambio ferroviario. O ancora un dettaglio di biancheria intima rossa che fuoriesce dal jeans di una ragazza. È là fuori. Dovete solo cercarlo.

Cosa attira la vostra attenzione?

Cercate qualsiasi cosa fuori posto. Cercate tutto ciò che si distacca da quanto lo circonda e chiedevi come mai ciò accada. Fotografate e mettete in risalto qualsiasi cosa che attiri la vostra attenzione.

Corsi di belle arti

La fotografia non è altro che la nostra capacità di vedere le cose. Non ha niente a che fare con le macchine fotografiche. Iscrivetevi a qualsiasi corso di belle arti (pittura, disegno, acquerelli, scultura etc.) e vi accorgerete come l'enfasi venga posta sulla visione e sulla composizione.

Cercate i dettagli

La foto migliore è quella che esprime se stessa più chiaramente e al contempo contiene meno dettagli.

Molti corsi di fotografia prevedono che vi chiudiate in bagno e facciate un intero rullino di pellcola. La vostra prima reazione sarà "Tutto ciò è molto stupido." Poi le cose inizieranno a sembrarvi più chiare e inizierete a vedere i dettagli. Alla fine dell'esercizio avrete fatto così tante foto che quasi vi dispiacerà che la pellicola sia finita.

La morale è che guardare e vedere è tutto. Ci sono foto da fare dappertutto.

Mettetevi in macchina

È vero, vivo a San Diego, California, ma mi ci vogliono comunque non meno di sei ore per raggiungere i posti a cui le persone pensano quando si parla di paesaggi da cartolina. Se voglio andare a fare foto da cartolina, persino io devo prendere la macchina. Ovunque siate, guidate per mezz'ora o per sei ore ed anche voi potrete raggiungere le destinazioni dei vostri sogni. Detto questo, se rimango nella mia zona, ho tantissimo da fotografare. Questo vale anche per voi.

Fotografare di notte

L'ho gia detto, e lo ripeterò ancora perché è importante. Mettetevi il cavalletto in spalla e fate foto ad esposizione prolungata ovunque vi troviate. La fotografia notturna produrrà un'esplosione di colori nella vostra macchina, anche nella strada più grigia e buia. La foto qui sotto è stata fatta in una citta industriale italiana. Sembrava piuttosto buia e malfata mentre la attraversavo di notte. Ho utilizzato un cavalletto corto, un grandangolo ed un'esposizione prolungata per catturare i raggi di luce lasciate dai fari delle macchine che passavano. Ne è venuto fuori un risultato interessante perché sapevo che i diversi tipi di luce sarebbero apparsi come altrettanti colori sulla mia pellicola. Le strade erano illuminate con lampioni gialli, il portone sulla destra con luce fluorescente che sapevo sarebbe diventata verde nella foto e la Mole Antonelliana con luci ad alogenuri metallici che appaiono blu nella foto. Potete fare la stessa cosa in qualsiasi città cupa e desolata. Naturalmente, stiamo parlando di Torino, che è anche una bella città. Il punto è che non lo sembrava affatto quando la foto è stata scattata. Imparate a distinguere i vari tipi di luce artificale e a capire in che modo essi verranno riprodotti sulla pellicola o dal sensore di una macchina digitale.

Torino Italia Torino Italy

Mezzanotte, Torino, Italia. Ottobre 2003.

Lo Studio

Molte persone lavorano esclusivamente in uno studio fotografico per ottenere i risultati desiderati. Lavorare in studio è possibile indipendentemente dal posto in cui abitate.

Visitate i posti squallidi!

Non da ultimo, ho amici come Karl Grobl e Jim Cline che vivono proprio qui nel sole della California. Preferiscono andare a fotografare paesi del terzo mondo sporchi, pericolosi e pieni di malattie. Sono persino disposti a pagare denaro contante per farlo! Detto questo, non aspettatevi nessuna comprensione da me solo perche pensate di vivere in un posto che non vi offre opportunità da un punto di vista fotografico.

Le migliori foto vengono dal di dentro. Uscite e divertitevi!

Translated by Carlo Biondi
www.techtranslations.lu

Home    Search    Gallery    How-To    Books    Links    Workshops    About    Contact